Finocchi in tegame

2014-02-14
Ricette correlate:
  • Panada veneta

    Panada veneta

  • Ravioli al radicchio

    Ravioli al radicchio

  • Crema di asparagi bianchi

    Crema di asparagi bianchi

  • Torta salata ricotta e spinaci

    Torta salata ricotta e spinaci

  • Risotto con bruscandoli

    Risotto con bruscandoli

I finocchi in tegame sono una succulenta ricetta mediterranea che mette in risalto il gusto di un ortaggio dal sapore dolcissimo e che rilascia un basso apporto calorico, infatti è molto indicato per tutte le diete povere di grassi e ricche di fibre. Di seguito daremo le indicazioni dettagliate per eseguire la ricetta “finocchi in tegame”, indicando il tempo di preparazione, tempo di cottura e gli ingredienti da utilizzare per quattro persone.

Ingredienti

  • 1 Kilogrammo di finocchi
  • 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 peperoncino
  • 1 cucchiaio di prezzemolo finemente tritato
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Metodo

Passo 1

Pulire i finocchi privandoli delle foglie esterne e dopo averli tagliati a spicchi, lavarli accuratamente con acqua corrente. Utilizzare un tegame provvisto di coperchio e sistemare i finocchi aggiungendo il prezzemolo tritato, gli spicchi d'aglio ancora interi, il peperoncino spezzettato, 1/2 bicchiere d'acqua calda, un pizzico di sale e di pepe, infine coprire con il coperchio e cuocere per circa venti minuti a fuoco non eccessivamente alto, aggiungere a metà cottura i quattro cucchiai di olio extravergine d'oliva.

Passo 2

Trascorso il tempo programmato, bisogna scoperchiare il tegame e lasciar cuocere per ulteriori cinque minuti a fuoco vivace per far diminuire eventuali residui di acqua ancora presenti. Successivamente impiattare e servire ancora caldi.

Si consiglia di associare a questa ricetta un secondo di carne, l’ideale sarebbe un filetto magro di maiale in umido con salsina d’aromi, oppure bocconcini di pollo alla genovese aromatizzati con rosmarino fresco. Per quanto riguarda l’abbinamento del vino, è indicato un Rosso Montalcino o in alternativa l’avvolgente e vellutato sapore di un Rosato del Salento che si sposa molto con il gusto dolce del finocchio e l’accattivante gusto della carne bianca. Si consiglia, nella pulizia dei finocchi, di tagliare la parte più dura centrale del torso superiore in quanto legnosa e non commestibile.