Verdura cotta

Verdura cotta

Verdura cotta

Un contorno a base di verdura cotta non è adatto solamente alla stagione invernale, ma può essere l’ideale anche nella stagione estiva. Vediamo come preparalo.Le verdure che si possono servire cotte sono molteplici e la vostra scelta potrà cadere su spinaci, bietola, catalogna o fagiolini, a seconda delle vostre preferenze.

Verdura cotta ricetta

Per quattro persone sono necessari 600 grammi di prodotto crudo, che prima della cottura dovrà essere abbondantemente lavato, per eliminare ogni traccia di terra. La cottura si effettua in una casseruola capiente, nella quale sarà stata posta acqua già calda, e la giusta dose di sale. Il tempo di cottura dipende dal prodotto, 30 minuti per bietola, spinaci e catalogna, 40 nel caso dei fagiolini. In alcuni casi le stesse verdure possono essere cotte anche al vapore.

Dopo la cottura le verdure possono essere servite tiepide, o anche lasciate raffreddare e servite fredde. In entrambi i casi è bene condirle con un filo di olio extravergine di oliva, anche aromatizzato al peperoncino oppure all’aglio. Per chi lo apprezza può essere aggiunta anche una spruzzata di succo di limone.

Chi volesse servire le verdure cotte con un tocco di esotico, può aggiungere delle spezie; le più usate sono curry, timo, maggiorana o cumino, ma le aggiunte sono lasciate naturalmente al gusto individuale. Un’altra possibilità è quella di ricorrere all’aggiunta di una salsa al vino rosso e cipolle: per ottenerla si devono far caramellare le fette di cipolla con vino rosso e poi frullarle.

Un contorno di verdure cotte si abbina bene sia ad un piatto freddo di prosciutto e formaggio, molto indicato nella stagione stiva, ad un piatto di carne lessata, od anche ad un arrosto, od una scaloppina mentre per accompagnarlo è necessario un vino rosso abbastanza corposo come il Chianti. Per chi volesse utilizzare le verdure cotte come pietanza, il consiglio è quello di saltarle in padella o di preparare una frittata.