Loader

Farfalle con spinaci

2014-05-21
  • Porzioni: 4
  • Tempo di preparazione: 30m
  • Tempo di cottura: 10m
  • Pronto in: 40m
Voto medio dei membri

forkforkforkforkfork (5 / 5)

5 5 1
Valuta questa ricetta

fork fork fork fork fork

1 La gente ha valutato questa ricetta

Ricette correlate:
  • Panada veneta

    Panada veneta

  • Ravioli al radicchio

    Ravioli al radicchio

  • Crema di asparagi bianchi

    Crema di asparagi bianchi

  • Torta salata ricotta e spinaci

    Torta salata ricotta e spinaci

  • Risotto con bruscandoli

    Risotto con bruscandoli

Le farfalle agli spinaci e speck sono un primo piatto davvero invitante e gustoso. Il connubio fra il sapore particolare degli spinaci e il gusto aromatico dello speck garantisce un risultato finale eccezionale. Si tratta, inoltre, di un piatto di facile preparazione e che richiede pochi e facilmente reperibili ingredienti.

Ingredienti

  • 250 gr di spinaci freschi
  • 400 gr di farfalle
  • 150 gr di speck (facoltativo)
  • 1 scalogno
  • 100 ml di panna da cucina
  • pecorino grattugiato qb
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • sale q.b.

Metodo

Passo 1

Innanzitutto, lavate per bene, sotto abbondante acqua corrente, gli spinaci e lessateli per circa quindici minuti. Pronti gli spinaci, tritateli e teneteli da parte. Poi, mettete a bollire in una pentola capiente l’acqua per le farfalle.

Passo 2

In una padella, dove avrete dorato lo scalogno, tagliato finemente, versate lo speck, tagliato a listelli, e fatelo soffriggere leggermente. Poi, aggiungete gli spinaci e fate cuocere il tutto a fiamma vivace per un piano di minuti, per poi versare la panna da cucina. Mescolate il tutto per bene per un altro paio di minuti, aggiustando di sale.

Passo 3

Pronta la pasta, scolatela e versatela, quindi, nella padella, saltando il tutto, a fiamma alta, per circa un minuto. Infine, servite le vostre farfalle agli spinaci e speck, coprendole di pecorino grattugiato.

Consigli utili

Le farfalle agli spinaci e speck si abbinano magnificamente a un vino rosso dal gusto corposo e deciso, come un Negramaro o un Nero d’Avola. Dopo è consigliabile servire un secondo a base di carne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *