Loader

Carciofi fritti

2017-07-07
  • Porzioni: 4
  • Tempo di preparazione: 15m
  • Tempo di cottura: 10m
  • Pronto in: 25m
Voto medio dei membri

forkforkforkforkfork (5 / 5)

5 5 1
Valuta questa ricetta

fork fork fork fork fork

1 La gente ha valutato questa ricetta

Ricette correlate:
  • Panada veneta

    Panada veneta

  • Ravioli al radicchio

    Ravioli al radicchio

  • Crema di asparagi bianchi

    Crema di asparagi bianchi

  • Torta salata ricotta e spinaci

    Torta salata ricotta e spinaci

  • Risotto con bruscandoli

    Risotto con bruscandoli

Carciofi fritti

Fragranti e sfiziosi, i carciofi fritti sono un piatto semplice eppur gustoso. Si tratta di un piatto che ha origini antiche e che qualcuno sostiene provenga addirittura dalle zone dell’India. Sebbene ne esista una versione light, qui ci soffermeremo sulla quella tradizionale e più calorica che prevede la pastella.

Carciofi fritti ricetta

Ingredienti

  • 3 o 4 carciofi
  • farina
  • 2 uova
  • parmigiano reggiano grattugiato
  • pecorino romano grattugiato
  • sale q.b.
  • pepe
  • olio di semi di arachidi per friggere

Metodo

Passo 1

Dopo aver pulito i carciofi e averli tagliati in due per eliminare l'eventuale peluria interna, procedere tagliandoli a fettine. Attenzione alle giusta dimensione! Se troppo sottili si rischia di bruciarli, se troppo spesse si rischia di non portarli a giusta cottura. Lasciarli a bagno con del limone per evitare che si anneriscano.

Passo 2

A parte preparare la pastella: rompere le uova, aggiungere sale,pepe, un cucchiaio di parmigiano e uno di pecorino e sbattere con una forchetta in modo da amalgamare bene gli ingredienti.

Passo 3

Una volta preparato il composto, sgocciolare i carciofi e asciugarli con dello scottex per evitare che l'acqua faccia schizzare l'olio una volta messi a friggere. Quindi impanarli nella farina in modo che ne siano completamente coperti e poi ripassarli nella pastella. Preparare quindi l'olio e farlo scaldare a sufficienza per la frittura.

Passo 4

Una buona tecnica per riconoscere quando l'olio è pronto è usare un cucchiaio di legno e immergerne una punta nell'olio. Se si creano delle bollicine attorno al legno immerso allora l'olio è pronto!

Passo 5

Poco alla volta immergere i carciofi nell'olio di semi stando attenti a farli dorare su entrambi i lati. Quindi scolare e poggiare su una carta assorbente di modo che venga eliminato l'olio in eccesso.

Consigli

Un vino che si sposa particolarmente bene con il piatto è il Pecorino: vitigno delle zone del Centro Italia, riscoperto recentemente che mantiene una certa acidità ma che contempla una buona morbidezza atta a stemperare il gusto della frittura e del metallo del carciofo e a restituire la freschezza che manca. Altro abbinamento può essere quello con un buon rosato fermo.